STELLA

UNA STELLA CHE BRILLA NEL CIELO, UNA DELLE TANTE, MA NON ESPRIMETE DESIDERI, NON E' UNA STELLA CADENTE..E' UNA STELLA CHE CERCA LA LUCE PER CAPIRCI QUALCOSA IN QUESTO STRANO PIANETA, UNA STELLA ALLA RICERCA DELLA VERITA', O PERLOMENO CI PROVA , MAI DISPERARE...

11 maggio 2006

Perchè?
Virginia sta morendo...
Virginia è una mia amica, due anni fa è venuta qui a Torino a fare un trapianto di fegato. Purtroppo aveva già un tumore, che è poi degenerato. Il trapianto in sè era riuscito, ma poi ci sono state delle complicazioni. Virginia ha 46 anni, non è sposata, ha avuto storie con uomini che non l'hanno amata abbastanza, non quanto lei meritasse.
Virginia non ha più speranze, progetti, impegni, obbiettivi, Virginia piange e si dispera.
Virginia è a casa sua, perchè anche gli ospedali hanno rinunciato a curarla.
Ha tanti amici, ma pochi hanno il coraggio di andarla a trovare, con la paura di guardarla negli occhi quando lei ti chiede: perchè?
Io sono tra questi, non so se riesco a guardarla negli occhi, non so se riesco a reggere il dolore, il suo dolore.
E mi viene in mente mio padre, sono passati più di vent'anni, ma il ricordo di mio padre sofferente sul quel letto d'ospedale, sono ricordi che rimuovi, che non vorresti mai più avere, e che in queste occasioni ritornano, e ti fanno sentire impotente, ti fanno sentire senza forza, e vorresti avere una risposta da dare a Virginia quanto ti chiede "perchè?" e non hai risposta. Solo il dolore di Virginia, le sue lacrime, la sua resa, il suo attendere la morte.

4 Comments:

  • At 23:30, Blogger Ed said…

    Accidenti, mi dispiace, Stella :-(

     
  • At 12:56, Blogger informatore said…

    So che è difficile trattare l'argomento con razionalità, ma credo che in qusti casi la risposta debba essere trovata in un percorso personale dell'esistenza. Credo che nulla succeda per caso e che ogni esperienza dolorosa, e non, possa servire a qualcuno. Non so chi in questo caso sia quel qualcuno, probabilmente è proprio lei stessa. Chiaro che se non si crede nella reincarnazione diventa difficile accettare un concetto simile e porsi la domanda "perchè" senza ricevere una risposta diventa scontato.

     
  • At 18:59, Blogger Annachiara said…

    Resta la speranza. Quella di Virginia. La tua. La mia. Di quello che si è costruito e quello che resterà. E tu devi andare a trovare Virginia. Devi darle quella speranza. Falle vivere dei bei momenti. Si può. Lo devi a lei e a te stessa. Per non rimpiangerlo dopo. Se è vero che sei già passata per quella sofferenza, non puoi volere che lei la affronti da sola. Vai da Virginia e stalle vicino. Solo così si vince la paura. Con l'amore e l'affetto. Fino all'ultimo. Per non dover dire io non c'ero. Coraggio!

     
  • At 00:42, Blogger STELLA said…

    Ci sono andata, è stato difficile, una giornata che non dimenticherò mai. Ma sono riuscita a dirle che le voglio bene guardandola negli occhi..comunque non si può capire come ci si sente, sapendo che nessuno può fare qualcosa per te, ho potuto solo stringerla forte, spero che le abbia fatto bene.

     

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home